Come Contabilizzare i Corrispettivi Giornalieri

Se hai aperto da poco un’attività commerciale, devi sapere che hai l’obbligo per le operazioni economiche di rilasciare regolare scontrino attestante l’avvenuto incasso che dovrai registrare nell’apposito Registro dei corrispettivi. Siccome le scritture contabili al riguardo, non sono agevoli, ti spiegherò in questa guida come mantenere la contabilità dei tuoi corrispettivi senza dover ricorrere a un consulente esperto.

Se sei un imprenditore appartenente alla categoria dei commercianti al minuto o artigiani aperti al pubblico hai l’obbligo di rilasciare ai tuoi clienti lo scontrino fiscale comprovante la realizzazione d un incasso (ricavo). Tale incasso (“corrispettivo giornaliero”) va annotato nel registro corrispettivi al lordo dell’IVA. Qui di seguito ti illustrerò, con un esempio pratico e semplice, come contabilizzare i tuoi corrispettivi giornalieri e come registrarli anche ai fini dello scorporo IVA periodico.

Supponiamo che tu, titolare di un negozio di abbigliamento e con liquidazione IVA mensile, abbia venduto il giorno 21 novembre n. 3 capi al prezzo totale di € 1.000,00. A fine giornata, dovrai annotare nel Registro l’avvenuta operazione economica; quindi dovrai redigere la seguente scrittura in partita doppia: DISP. LIQ./CASSA a VALORE PRODUZIONE/CORRISPETTIVI € 1.000,00 La CASSA va in DARE perché indica il sorgere del credito dell’azienda, infatti è un’entrata e quindi un conto di natura patrimoniale. Il valore della produzione va in AVERE perché rileva un ricavo: è dunque un conto di natura economica.

Alla fine del mese (30/11), dovrai effettuare lo scorporo dell’IVA e contabilizzare tale operazione registrandola. Ai fini dello scorporo, dovrai effettuare questa operazione matematica: € 1.000,00 / 1,20 Ovviamente, se l’IVA fosse stata del 10% invece del 20%,avresti dovuto dividere l’incasso giornaliero per 1,10. La stessa cosa vale se l’IVA da applicare fosse stata del 4%, e così via.

In ogni caso, il risultato dell’operazione di cui sopra costituisce la base imponibile (€ 3.000,00), mentre le restante € 600,00 costituiscono l’IVA mensile da versare e che dovrai registrare effettuando il giroconto in questo modo: VALORE DI PRODUZIONE/CORRISPETTIVI a IVA/IVACORRISPETTIVI € 600,00 In questa registrazione, i CORRISPETTIVI vanno in DARE perché si tratta di uno storno parziale del ricavo, mentre l’IVA CORRISPETT. va in AVERE perché sorge il debito dell’azienda verso l’Erario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *