Come Comprare un’Auto Usata

Chi di noi non ha mai acquistato o pensato di acquistare un’auto usata? Io ne ho comprata una affidandomi a una concessionaria nella mia zona ma molte sono le persone che si affidano ai privati. Sia in un caso che nell’altro è necessario seguire alcuni criteri fondamentali per evitare di imbattersi in eventuali truffe. Nella mia guida vi spiegherò attentamente quali sono i passi da seguire affinché possiate effettuare un buon acquisto senza correre alcun rischio e in quali casi conviene il concessionario e in quali il privato.

Concessionaria o privato? Rivolgersi ad una concessionaria può essere più costoso perché occorre pagare l’intermediazione, ma di contro presenta numerosi vantaggi. Per iniziare, il veicolo scelto è conforme a quello pubblicizzato e dunque possiede le caratteristiche vantate. La vendita poi viene scritta e registrata e ogni nostro acquisto è protetto da una garanzia legale della durata di 12 mesi. Sulla garanzia però è necessario fare alcune precisazioni; è possibile che il venditore oltre la garanzia legale ci proponga anche una convenzionale, il mio consiglio è quello di non aderirvi perché sarebbe solo una spesa aggiuntiva per pochi vantaggi.

Tuttavia anche se ci rivolgiamo ad una concessionaria la probabilità che il venditore ometta alcune informazioni sul veicolo è molto alta, fate attenzione. Potrebbe ad esempio omettere la presenza di alcuni difetti sia meccanici che di altra natura. Magari l’auto ha subito incidenti e non ve lo comunica o ancora i documenti potrebbero non essere in regola.

Cosa fare se sorgono questi dubbi? La soluzione ideale è quella di contattare i proprietari precedenti, rintracciabili attraverso il libretto.
Se invece di rivolgervi a una concessionaria preferite rivolgervi ad un privato, allora l’attenzione deve essere maggiore perché il privato offre meno garanzie. Anzitutto informatevi sul prezzo su dei siti specializzati, questo vi permetterà di conoscere la quotazione del veicolo ed evitare di essere truffati. Attenzione ai prezzi troppo bassi, non rappresentano affatto un affare, spesso nascondono una cattiva manutenzione del veicolo. Soprattutto non pagate mai prima di possedere il mezzo, non solo perché si rischia di essere truffati ma anche di essere denunciati per acquisto incauto. In ogni caso, stipulate una scrittura privata seguendo questo modello, in cui riportare tutti i dettagli della compravendita.

Ma andiamo nei particolari, un veicolo prima di essere acquistato deve essere valutato e ispezionato, sia che vi rivolgiate ad una concessionaria sia che vi rivolgiate a un privato. Se non siete degli esperti è preferibile affidare il compito a un meccanico di fiducia il quale saprà sicuramente informarmi sul stato di salute del veicolo. Il mio consiglio è quello di non affidarvi mai al contachilometri, pensando erroneamente che possa indicarci l’età del mezzo. Molti privati, ma anche alcune concessionarie, lo manomettono riducendo il numero dei chilometri sotto la soglia dei 100 mila.

Risulta essere buona norma invece valutare altri aspetti, anzitutto la carrozzeria. Non fatevi ingannare dalle apparenze, non sempre una bella carrozzeria è indice di buon affare. Essa va attentamente esaminata alla luce del sole. Controllate la verniciatura, se non è omogenea e se in alcuni punti è di un colore diverso è probabile che il mezzo abbia subito un incidente. La lamiera deve essere perfetta senza alcun segno di ruggine. Il parabrezza ovviamente deve essere intatto. Il cofano e le portiere devono chiudersi perfettamente.

Date un’occhiata anche agli pneumatici, se consumati il costo del veicolo andrebbe ridimensionato. Spesso un battistrada molto usurato indica problemi al telaio, alle sospensioni ecc. Osservate anche: i fari, che devono essere ben allineati; gli ammortizzatori che devono essere efficaci; eventuali perdite di olio; lo stato degli interni.

La prova del nove consiste però nel provare l’auto direttamente su strada. Appena acceso il motore non deve essere rumoroso, in tal caso meglio controllare la marmitta e lo scarico per assicurarsi che non siano danneggiati. Date un’occhiata anche ai gas di scarico, se il veicolo è a benzina un fumo blu indica che che il motore brucia olio. Nel caso di un veicolo a gasolio il fumo nero indica che gli iniettori e i filtri sono sporchi. Le sospensioni non devono far rumore e soprattutto devono essere cariche. Se alla pressione della vostra mano sul cofano notate che il mezzo oscilli troppo allora sicuramente gli ammortizzatori non funzionano e devono essere sostituiti. Le marce, anch’esse devono essere ben funzionanti, e azionate senza bruschi movimenti.

Molto importante è il volante, che deve seguire velocemente il comando di rotazione. Se ciò non accade è probabile che il problema sia da imputare alle sospensioni o allo sterzo.
Per evitare spese aggiuntive controllate che tutto il sistema elettrico funzioni correttamente. Luci interne, specchietti elettrici, cristalli, accendisigari, computer ecc. tutto deve funzionare, perché ripararli comporterebbe una spessa eccessiva.

Prima di acquistare il veicolo, è necessario controllare il libretto e valutare la corrispondenza tra le informazioni riportate e le caratteristiche del mezzo, come il numero del telaio, la targa, il numero del motore ecc. In caso di acquisto da un privato è buona norma richiedere un estratto cronologico del veicolo. Inoltre assicuratevi che sul mezzo non pendano ipoteche o fermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *