Bande di Bollinger – Cosa Sono

Le Bande di Bollinger sono un altro elemento molto importante per tutte le persone che vogliono imparare ad effettuare scambi forex in modo autonomo. Per conoscere bene il mercato è necessario fare molte prove e molti errori, per questo si dovrebbe iniziare a fare trading forex con un conto in modalità demo, in modo da perdere (e guadagnare) soltanto soldi virtuali.

Le Bande di Bollinger si basano sulla volatilità di un titolo, e si calcolano aggiungendo o sottraendo alla media mobile (cioè una media relativa solo a un certo periodo) di un titolo, la deviazione standard, moltiplicata per un certo fattore. Avremo quindi due bande: quella inferiore, calcolata sottraendo la deviazione standard, e quella superiore, ottenuta aggiungendo la deviazione standard.

I valori usati solitamente per il calcolo della media mobile sono una durata di 20 giorni e un fattore di moltiplicazione della deviazione standard (F) pari a 2. I valori però possono essere modificati e usati diversamente. Se c’è la necessità di usare una media mobile corta, diciamo di 10 giorni, allora anche F può essere abbassato a 1,9. Se invece la media mobile è allungata fino a 50 giorni, si può alzare F fino a 2,1. Non sempre però modificare i parametri è una buona idea.

Tutto questo serve ad ottenere delle indicazioni di acquisto e di vendita. Quando il grafico del valore di un titolo oltrepassa la banda superiore per rientrarvi in seguito, questo è un chiaro segnale di vendita. Al contrario, se il grafico scende al di sotto della banda inferiore per poi rientrarvi successivamente, abbiamo un segnale di acquisto. Per facilitare i compiti del trader e per cercare di utilizzare una strumentazione più completa, nel caso di questa strategia forex sarebbe però opportuno affiancare l’uso delle bande di Bollinger (che prendono il nome dal suo autore/scopritore) all’uso di un indicatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *